Flavio Cattaneo: A Villa Castelli è entrata in funzione la nuova stazione elettrica Terna

A Villa Castelli è entrata in funzione la nuova stazione elettrica lungo l’elettrodotto Brindisi-Taranto, che sarà in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Un investimento da 7 milioni di euro per Terna, guidata da Flavio Cattaneo, che con questa infrastruttura offrirà una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete.

 

Vai col vento. E’ entrata in funzione a Villa Castelli, nel brindisino una nuova stazione elettrica in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Come riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia, Terna, guidata da Flavio Cattaneo, ha investito nella nuova infrastruttura circa 7 milioni di euro, per un totale di circa 15 mesi di lavori che hanno interessato il coinvolgimento di 18 imprese locali. Si trova lungo l’elettrodotto “Brindisi-Taranto Nord” e collega alla rete l’energia rinnovabile generata dalle 10 torri eoliche dell’impianto Villa Castelli Wind.

Con questa nuova stazione Terna è in grado di offrire, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete, una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale. Infine con la sua entrata a regime contribuirà ad alimentare le utenze civili e industriali presenti tra le province di Brindisi e Taranto. Dal punto di vista ambientale, va ricordato che la scelta del sito per la costruzione della stazione elettrica ha tenuto conto non solo delle favorevoli condizioni di ventosità dell’area, ma anche della lontananza dai centri abitati. Favorendo così un impatto visivo ed ambientale ridotto ai minimi termini per tutti gli edifici circostanti.

FONTE:Terna

Flavio Cattaneo: A Villa Castelli è entrata in funzione la nuova stazione elettrica Ternaultima modifica: 2012-12-18T11:01:52+01:00da theenergynews
Reposta per primo quest’articolo